I NOSTRI AUTORI

Aglaya Veteranyi nasce il 17 maggio 1962 a Bucarest da una famiglia di artisti circensi. Vive un'infanzia disordinata e vagabonda, seguendo i genitori in tournée attraverso l'Europa, il Sud America e l'Africa e partecipando attivamente sin dai tre anni agli spettacoli dei genitori. Nel 1977 la famiglia fugge alla dittatura romena e si rifugia a Zurigo. A quindici anni, non avendo mai ricevuto un'istruzione, Aglaja è ancora analfabeta. Impara da autodidatta una nuova lingua, il tedesco, e apprende velocemente a leggere e scrivere. Proprio il rapporto con la lingua materna e con la madre quale simbolo del suo passato sono al centro del tessuto simbolico delle sue opere.

Albert Lemant... nato Lirtzmann... a Parigi nel 1953. Nel 1961 suo padre decide di cambiare cognome. Entra come incisore a taglio dolce all'Atelier Leblanc a Parigi, allestisce una prima esposizione di disegni e incisioni nel 1977 e successivamente più di un centinaio di mostre in Francia e in Europa.

Incide, disegna, scrive. Con la moglie Kiki ha dato vita a "Plasticienne", un "Museo itinerante della Giraffa" che sta girando tutta la Francia. Vive sui Pirenei dal 1986 ed è nonno da poco! Ora lavora a nuovi libri e guarda crescere i suoi pomodori, le sue zucchine, i fichi, ed è quasi tutto quello che c'è da dire di importante!

Alek Popov nasce a Sofia nel 1966, si laurea dapprima in Lingue e culture antiche, poi in Lingua e letteratura bulgara presso l'Università di Sofia. Pubblica la sua prima raccolta di racconti The Other Death nel 1992 e a questa seguiranno altre sei raccolte; il suo primo romanzo Mission: London, edito nel 2001 si basa sulle colorate impressioni raccolte nell'Ambasciata Bulgara del Regno Unito ed è stato definito e lodato come il libro bulgaro più divertente per la sua sarcastica visione dell'elite dei diplomatici bulgari. Ha vinto numerosi premi tra cui il National Radio's Pavel Veshinov Award per il miglior racconto giallo; il Graviton Award per la miglior science fiction; il Raško Sugarev Award per il miglior racconto; il prize Helicon per il miglior libro dell'anno 2002; e di recente il National Prize for Drama Ivan Radoev. I racconti di Alek Popov sono tradotti in polacco, tedesco, ungherese, ceco, francese, danese, inglese, turco e ben presto anche in italiano per Keller editore.


Oggi Alek è uno degli scrittori più popolari della Bulgaria.

www.alekpopov.net

Nato nel 1876 in Ungheria da una famiglia ebrea, e morto nel 1943 , Andreas Latzko, è considerato, nonostante le sue battaglie, un pacifista e un grande romanziere.
Frequentò le scuole a Budapest, andò volontario nell'esercito regio Austro-ungarico per un anno. Si recò a Berlino dove studiò chimica e poi filosofia. I suoi primi testi sono scritti in lingua ungherese, la sua prima opera letteraria invece appare in lingua tedesca, si tratta di una commedia in un atto.
Come giornalista si recò in Egitto, India, Ceylon e Java. Con l'inizio della Grande Guerra nell'agosto del 1914 tornò in Egitto come ufficiale dell'esercito "Wehrmacht" di Austria-Ungheria.

Andrey Yuryevich Kurkov nasce il 23 aprile 1961 in un paese nell'area di Leningrado. Nel 1983 si laurea a Kiev presso l'Accademia pedagogica di Lingue straniere. È scrittore ucraino che scrive in russo. Vive a Kiev, inizia a scrivere fin da piccolissimo e ha un hobby particolare, colleziona cactus... a 12 anni possiede la settima collezione di cactus dell’Ucraina. Per un periodo lavora come giornalista, compie il servizio militare come carceriere a Odessa, poi si occupa di cinema, sceneggiature e romanzi di successo.
È autore di tredici romanzi (che hanno spesso protagonisti animali: un topo, un camaleonte, un pappagallo…) e di cinque libri per bambini. Il suo lavoro è tradotto in venticinque lingue tra cui inglese, giapponese, francese, cinese, svedese ed ebraico.

Andy Holzer è uno dei più celebri scalatori non vedenti, ed è conosciuto principalmente per i suoi successi in arrampicata e alpinismo. È cieco dalla nascita, è sposato e vive in Tristach; dopo la scuola si è dedicato agli sport professionali come lo sci, il surf e mountain bike.

Nel 2007 è stato vincitore del Premio Life nella categoria sport.

www.andyholzer.com

Angelika Overath è nata a Karlsruhe nel 1957 e ha studiato germanistica, storia e italianistica all'Università di Tübingen. Dopo la laurea ha lavorato come scrittrice e giornalista per tre anni in Grecia. Nel 1991 è rientrata in Germania. Attualmente vive in Svizzera. Da anni pubblica regolarmente saggi e reportage per numerosi quotidiani e periodici.
Tra i riconoscimenti che ha ottenuto si ricordano l'Egon Erwin Kisch Prize, il Thaddäus Troll Prize, l'Ernst Willner Prize all'Ingeborg Bachmann Competition e lo Swiss Prize for Independent Journalism.

Arno Camenisch, nato nel 1978 a Tavanasa nel Cantone dei Grigioni, scrive in tedesco e in romancio (Sursilvan). Camenisch scrive poesia e prosa. Ha studiato presso l'Istituto svizzero di letteratura a Biel, dove vive. È membro dello Spoken-Word Ensemble "Berna è ovunque." Nel 2009 esce il suo libro "Sez Ner" pubblicato in tedesco e romancio da Urs Engeler Editor. Nel luglio 2010 esce Hinter dem Bahnhof (Engeler-Verlag). Nel gennaio 2012 è apparso "Ustrinkata" (Engeler-Verlag). In romancio è uscito nel 2005 il romanzo "Ernesto ed autras manzegnas" (Ed. Romania).

Ha vinto numerosi premi tra cui il Berner Literaturpreis per Hinter dem Bahnhof nel 2011; lo ZKB Schiller Prize 2010 per "Sez Ner", di nuovo il il Berner Literaturpreis per "Sez Ner".

www.arnocamenisch.ch/de/aktuell.htm

Arnošt Lustig, nasce a Praga il 21 dicembre 1926, è uno scrittore e accademico, ceco ebreo internato a Theresienstadt nel 1942, poi a Auschwitz dove morì suo padre e infine a Buchenwald.
Riuscì a salvarsi scappando nel 1945 dal treno che lo stava trasportando a Dachau, approfittando di un bombardamento ai binari fatto dagli "Alleati"; fuggito, ritornò subito in Patria per prendere parte alla resistenza contro i Nazisti invasori.


Terminata la Guerra, studiò Giornalismo presso l'Università Carolina, la più prestigiosa del Paese, poi fu assunto dall'emittente radiofonica locale Radio Praha, incarico che però lasciò quasi subito per recarsi nel nascente Stato d'Israele a combattere per l'indipendenza nelle file dell'Haganah. Tornò poi nuovamente nella Cecoslovacchia nei difficili anni settanta (il 1968 è infatti l'anno della tristemente nota Primavera di Praga); lasciò quindi per la seconda volta volontariamente il Paese per recarsi in Israele prima, poi in Iugoslavia - altra zona politicamente instabile - e infine, nel 1970, negli Stati Uniti, accettando un posto da professore all'American University di Washington DC.
Con l'inizio del crollo del Comunismo in Europa, nel 1989 si recò per l'ennesima volta in Patria, alternando tuttavia il proprio tempo tra Praga e Washington. Nel 1993 dalla scissione della Cecoslovacchia nacquero Repubblica Ceca e Slovacchia, a Lustig venne dato il passaporto ceco. Nel 2003 ha lasciato il suo posto all'American University per tornare definitivamente in Patria, dove il Presidente Václav Havel lo ha onorato come esponente di spicco della cultura nazionale in occasione del suo ottantesimo compleanno, nel 2006. Nel 2008 è stato insignito del Premio Franz Kafka, assegnato precedentemente al connazionale Ivan Klíma, sicuramente il premio letterario più illustre sinora conferitogli.

Benjamin Stein, nato nel 1970 a Berlino Est, dopo aver lasciato la scuola ha lavorato fino al 1989 come portiere di notte in una casa di riposo e successivamente ha studiato il giudaismo e l'ebraico. Dal 1982 si è dedicato alla scrittura, pubblicando poesie e prosa breve. Il suo primo romanzo e "Das Alphabet des Juda Liva” apparso nel 1995. Benjamin Stein lavora come redattore e corrispondente per diverse riviste di informatica tedesca e americana e come consulente di gestione per la tecnologia dell'informazione, è sposato e con i suoi due figli vive a Monaco di Baviera.

Cecile Coulon è una giovane scrittrice francese, nata 13 giugno 1990 a Clermont-Ferrand.

Claudia Rusch, nata nel 1971 a Stralsund, è cresciuta nell'isola di Ruegen, nella Marca del Brandeburgo e a Berlino. Ha studiato germanistica e romanistica a Berlino e a Bologna. Ha lavorato sei anni nella redazione di un'emittente televisiva e dal 2001 vive a Berlino come libera scrittrice. Nel 2003 ha pubblicato per la S. Fischer Verlag di Francoforte il bestseller Meine freie deutsche Jugend (in italiano La Stasi dietro il lavello, Keller editore), seguito nel 2009 da Aufbau Ost. Unterwegs zwischen Zinnowitz und Zwickau. Claudia Rusch ha trascorso l'infanzia nell'isola di Ruegen, nel Brandeburgo, prima di trasferirsi a Berlino (Est) con la famiglia. I suoi genitori erano attivisti dei diritti civili sotto il regime comunista. Oggi vive a Berlino.

Claudia Schreiber vive e lavora a Colonia. È scrittrice, sceneggiatrice e giornalista, ha collaborato con la radio e la televisione tedesca (ZDF), lavorato alcuni periodi a Mosca e Bruxelles e dal 2007 vive a Colonia e lavora come scrittrice freelance. La felicità di Emma, primo romanzo tradotto in italiano, ha ottenuto in Germania uno straordinario successo di critica e pubblico ed è stato tradotto in numerose lingue. Dal libro è stato tratto anche un film, diretto dal regista Sven Taddicken.

www.claudiaschreiber.de

Nato nel 1973, David Fauquemberg vive nel Cotentin. Ha studiato filosofia e ha insegnato qualche tempo. Ha viaggiato per svariati anni: Cuba, Patagonia, la Lapponia, Andalusia, California, Europa Orientale, Atlantico a vela... Ha trascorso due anni in Australia, un viaggio tragico nella parte occidentale del continente isola che ha ispirato il suo primo romanzo, Nullarbor. Scrittore e traduttore (ha tradotto James Meek Willy Vlautin (Motel Life e Plein Nord Albin Michel, Robert Hunter), è anche giornalista per la rivista Geo XXI. Al suo secondo romanzo, Mal Tiempo (Fayard, 2009) è stato assegnato il Millepages 2009, le Prix des Hebdos en région 2010 e il Prix de la Ville de Caen 2010.

davidfauquemberg.com

Davide Longo è nato a Carmagnola, non lontano da Torino.
Nel 2001 ha pubblicato per la Marcos y Marcos il romanzo Un mattino a Irgalem con il quale ha vinto il Premio Grinzane opera prima e il Premio Via Po. Dello stesso anno è il libro per bambini Il Laboratorio di Pinot. Nel 2004 è uscito il suo secondo romanzo Il Mangiatore di Pietre (Marcos y Marcos), Premio Città di Bergamo e del Premio Viadana. È regista di documentari (Carmagnola che resiste, Memorie dell’Altoforno), autore di testi teatrali (Pietro Fuoco e Cobalto, Il lavoro Cantato, Ballata di un Amore Italiano, About Fenoglio) e autore radiofonico per RadioRai (Centolire, Luoghi non Comuni).

Ha scritto per Repubblica, Avvenire, Slow Food, Donna, Lettere, Travel. Del 2006 è La Vita a un Tratto, ed. Corraini. Nel 2007 ha curato per Einaudi l’antologia Racconti di Montagna, e pubblicato per Corraini il libro E più non Dimandare, realizzato con il pittore Valerio Berruti.
Nel gennaio 2010 è uscito per l’editore Fandango il suo terzo romanzo L’Uomo Verticale. Per Keller editore esce Il signor Mario, Bach e i settanta.
Vive a Torino dove insegna scrittura presso la Scuola Holden. I suoi libri sono tradotti in molti paesi.

www.davidelongo.com

Eduard Márquez è nato nel 1960 a Barcellona. È autore di libri di poesia, narrativa e letteratura per adulti e per bambini. Con il romanzo La decisione di Brandes ha ottenuto il Premio Octavi Pellissa nel 2005, il Premio della Critica catalana nel 2006 e, l’anno successivo, il Premio Qwerty. I suoi libri sono tradotti in varie lingue. È membro dell’Associazione Scrittori di Lingua Catalana.

Gabriele Kögl nasce nel 1960 a Graz, è una scrittrice austriaca.

Tra il 1978 e il 1982, si occupa di studi religiosi presso l'Accademia Pedagogica di Graz, e dal 1982 al 1988 studia alla Vienna Film Academy, dove si laurea in sceneggiatura.

Dal 1990 scrive testi letterari e sceneggiature per cortometraggi e documentari. Nel 1993 ha partecipato al concorso Ingeborg Bachmann a Klagenfurt. Ora vive a Vienna.
Gabriele Kögl è autrice di romanzi, opere teatrali e sceneggiature.

 

 

Ha ricevuto svariati premi tra cui il Max-von-der-Grün-Preis nel 1993, nel 1994 premio letterario della città di Graz e nel 1995 il Clemens-Brentano-Preis della città di Heidelberg. Nel 2005 il premio Alfred-Gesswein-Literatur e il Würth-Literaturpreis.

György Dalos è nato nel 1943 a Budapest.
Oggi vive a Berlino. È stato a capo dell'Istituto culturale ungherese a Berlino fino al 1999 e ha ricevuto numerosi premi, tra cui il Adelbert von Chamisso nel 1995 e il  Leipzig Book Award nel 2010.

György Konrad (Berettyóújfalu, 2 aprile 1933) è uno scrittore, giornalista, giudice e sociologo ungherese.
Acclamato dalla critica, è stato presidente del Pen Club internazionale e ha vinto il Premio Internazionale per la Pace, conferitogli a Francoforte nel 1989.

Arrestato per agitazione sovversiva, ha vissuto a lungo all'estero ai tempi del regime comunista. Tornato in patria e presa parte attiva alla vita politica, è diventato uno dei capi del Movimento dei liberi democratici ungheresi, affermatosi come secondo partito alle elezioni del 1990. Si è affermato con il romanzo A látogató (1969; trad. it. "Il visitatore", 1975), di tematica sociale, al quale hanno fatto seguito altri romanzi di analoga ispirazione (Új lakótelepek, "Quartieri popolari", 1969; A városalapító, "Il fondatore delle città", 1977; Uitgeverij Van Gennep, "Il Perdente", 1980, tradotto da Bompiani; A cinkos, "Il collaboratore", 1983; Kerti mulatság, "La festa nel giardino", 1987) e saggi: Az autonómia kisértése ("La tentazione dell'autonomia", 1980); Európa köldökén ("Nell'ombelico d'Europa", 1990); Az újjászületés melankóliá ("La melanconia della rinascita", 1991). Tra le pubblicazioni più recenti si ricordano ancora: Kőóra ("Orologio di pietra", 1995), Elutazás és hazatérés (2001), A láthatatlan ("La voce invisibile", 2000), Harangjáték (2009), Zsidókról (2010).

Irena Brežná è nata nel 1950 in quella che un tempo era Cecoslovacchia e oggi Slovacchia ed è emigrata in Svizzera nel 1968 dove tuttora vive e lavora. Dopo gli studi di slavistica, filosofia e psicologia s’impegna nella mediazione interculturale e a favore dei diritti umani. Dal 1981 è scrittrice e giornalista. I suoi articoli, pubblicati in Svizzera, Germania e Repubblica Slovacca, hanno ricevuto numerosi riconoscimenti. Le sue opere letterarie affrontano principalmente i temi dell’esilio e della patria.

Jonas Lüscher è nato in Svizzera nel 1976. Dopo essersi formato come insegnante di scuola primaria a Berna, ha lavorato per anni nell’industria cinematografica tedesca e studiato Filosofia a Monaco di Baviera. La primavera dei barbari è il suo primo romanzo.

Nato nel 1944 a Bad Hall, ha studiato slavistica e storia dell’Europa orientale. È traduttore dal polacco (vari i reportage di Kapuściński che ha fatto conoscere nel mondo tedesco), giornalista e scrittore. È stato corrispondente dall’estero per lo «Spiegel», a Vienna e Varsavia tra il 1987 e il 1998. Il suo lavoro è stato premiato tra gli altri con l’Ehrenpreis des österreichischen Buchhandels für Toleranz in Denken und Handeln (2007) e con il Leipziger Buchpreis zur Europäischen Verständigung (2001). Vive nel Burgenland e a Vienna. Tra i suoi libri più recenti: Il morto nel bunker (Bollati Boringhieri, 2007), Kaiser von Amerika. Die große Flucht aus Galizien (2010).

Olga Grjasnowa è nata nel 1984 a Baku, in Azerbaigian. Nel 1996 si è trasferita in Germania dopo lunghi soggiorni in Polonia, Russia e Israele. Per il suo primo romanzo Der Russe ist einer, der Birken liebt ha ottenuto nel 2012 il premio Anna Seghers e il premio Klaus-Michael Kühne.

LA LIBRERIA KELLER

LA BORSA DELLA SPESA

Nessun oggetto/i nel carrello

Metodi di pagamento

 

BONIFICO BANCARIO | BANCOMAT | IN CONTRASSEGNO
E ORA ANCHE CON CARTE DI CREDITO (TRAMITE PAYPAL)

SUL CONFINE

Benvenuti alla pagina blog della Keller.
Da editore di confine non potevamo che chiamarlo SUL CONFINE e inserirci i temi a noi più cari. In questa pagina trovate una selezione di articoli e curiosità. Se vuoi di più seguici alla pagina web sulconfine.it (a breve online)

 

CERCA

VIENI CON NOI

Keller editore si occupa di letteratura, reportage, viaggi e scrittura. Traduciamo libri importanti in Italia per raccontarvi il mondo che altrimenti perdereste.


via della roggia 26
38068 rovereto (tn), Italy
P.I. IT 01902670221

NEWSLETTER KELLER

Iscrivendoti alla nostra mailing list sarai sempre aggiornato sulle ultime novità, notizie ed eventi. Non facciamo spam.
By subscribing to our mailing list you will always be update with the latest news from us. We never spam.

Vai all'inizio della pagina

CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti

Continuando la navigazione accetti la nostra cookies policy. Per saperne di piu'

Approvo

Ti informiamo che questo sito usa i cookie per facilitare la tua navigazione. Continua a leggere per saperne di più e controlla la nostra politica d'uso al link http://www.kellereditore.it/privacy.html

Il sito usa Cookies tecnici (cookies first party) necessati al corretto funzionamento di alcune sue aree.

Il sito si avvale di Google analitycs ma abbiamo modificato le informazioni in modo che è autorizzato solo l'uso di cookie di Google Analytics con IP anonimizzato. Quindi nessuna profilazione dell'utente è possibile.

Questo sita usa anche cookies di terze parti con i plugin dei social media che hanno bisogno di sapere chi sei per funzionare in modo corretto. Facebook, Twitter e altri social networks hanno ciascuno la possibilità di agire sulle impostazioni della privacy.   Questa la lista dei cooki relativi ai social media che qui potete trovare con le funzioni "MI PIACE" e CONDIVIDI": twitter, facebook, pinterest, linkedin, google plus, youtube. RSS.

L’utente può bloccare o limitare la ricezione di cookies attraverso le opzioni del proprio browser.
Su Internet Explorer, cliccare sulla voce “Strumenti” della Barra dei menù e poi sulla sottovoce “Opzioni Internet”. Infine accedere alle impostazioni della scheda “Privacy” per modificare le preferenze relative ai cookies.
Su Firefox, cliccare sulla voce “Strumenti” della Barra dei menù e poi sulla sottovoce “Opzioni”. Infine accedere alle impostazioni della voce “Privacy” per modificare le preferenze relative ai cookies.
Su Chrome, digitare “chrome://settings/content” nella barra degli indirizzi (senza virgolette) e modificare le impostazioni relative ai cookies come si desidera.
Su Safari, selezionare la voce “Preferenze” e poi scegliere “Privacy”. Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet.
Se si usa Safari su dispositivi portatili, come iPhone e iPad, è necessario invece agire in questo modo: andare sulla voce “impostazioni” del dispositivo e in seguito trovare “Safari” sul menù di sinistra. Da qui, alla voce “Privacy e sicurezza”, sarà possibile gestire le opzioni sui Cookie.

Per disabilitare i cookie di servizi esterni è necessario agire sulle loro impostazioni:
Servizi di Google | Facebook | Twitter