PREZZO: €16,50
DATA USCITA: MARZO 2016
BROSSURA | PP. 288 | COLLANA PASSI
TRADUZIONE DAL FRANCESE SILVIA TURATO

SE CERCHI L'EBOOK CLICCA QUI

Magnifico! Potente! Sconvolgente! Quattro personaggi, il ricordo, i non detti, la pena di morte. E il respiro di una grande romanziera. L’EXPRESS

TRAMA

1989.
Una famiglia è massacrata nella stanza di un albergo di Atlanta.
Smokey Nelson, l’assassino, viene condannato alla pena capitale. Passa vent’anni nel braccio della morte in attesa dell’esecuzione della sentenza.
Molte cose sono accadute dopo la sua carcerazione: guerre, altri crimini, la devastazione provocata dall’uragano Katrina e, a parte un nome su un documento dell’amministrazione penitenziaria, Smokey Nelson non significa più nulla per nessuno.
Eppure ci sono persone che non hanno dimenticato. Quattro personaggi – attorno ai quali Catherine Mavrikakis costruisce un romanzo polifonico con un incalzante e perfetto gioco a incastro – che non solo non hanno dimenticato ma hanno fatto del nome di Nelson una vera e propria ossessione…
Catherine Mavrikakis ci regala un romanzo forte e potente e si rivela una delle grandi voci della letteratura americana contemporanea.

AUTORE

Catherine Mavrikakis è nata a Chicago nel 1961 da padre greco e madre francese.
Insegna Letteratura all’Università di Montréal. Dopo il suo primo saggio, La Mauvaise Langue, ha pubblicato numerosi romanzi, tra cui Le Ciel de Bay City, Les Derniers Jours de Smokey Nelson (tradotto ora per Keller editore, 2016) e il suo ultimo, La Ballade d’Ali Baba.

PRESS

L’autrice sa come raccontare splendidamente gli uomini e le donne in questa storia piena di furia e di emozione, ne evidenzia le pulsioni, i sentimenti di vergogna, la rabbia per l’ingiustizia, il desiderio di porre fine a tutto. LIRE

Costruito intorno all’esecuzione di un assassino, un affascinante romanzo corale della canadese Catherine Mavrikakis. Parodia degli Stati Uniti allo sbando, Gli ultimi giorni di Smokey Nelson fanno sentire la cacofonia di un mondo, fino a ieri esaltato come geniale melting pot, e oggi attaccato per la ghettizzazione delle sue comunità. Il romanzo di Catherine Mavrikakis descrive in modo meraviglioso questa deriva dei minicontinenti. Ancor meglio: ne fa sentire la musica, mischiando il furore di Jimi Hendrix alle volute sapienti del jazz, i duri canti degli evangelici alle ridicole e gioviali melodie di una pubblicità della Coca-Cola. LE MONDE DES LIVRES

Catherine Mavrikakus firma uno dei romanzi più forti e coinvolgente della stagione
Alexis Liebaert, Marianne

Se Catherine Mavrikakis è franco-greca per nascita, la sua penna è quella di un'americana. In questo romanzo si ha l'impressione di sentire la falcata dei migliori traduttori della letteratura d'oltreoceano eppure non si tratta di questo. Nata a Chicago, questa scrittrice scrive in francese – in una lingua a tratti gutturale, trattenuta, esaltata, fattuale. Sono questi gli aggettivi che ben si applicano ai quattro personaggi di origini diverse che in Gli ultimi giorni di Smokey Nelson fanno sentire la loro voce su uno stesso evento, l'assassinio di una coppia con due bambini, avvenuto in un motel nella periferia di Atlanta anni prima. Punto comune dei quattro personaggi, quella verginità di fronte alla morte che dona al libro una luce unica.
Marine Landrot, Télérama

Il condannato a morte di Victor Hugo, anonimo e arrestato per un crimine sconosciuto, espiava la sua colpa nella solitudine di un monologo interiore. A dispetto della risonanza hugoliana del titolo, l'ultimo romanzo di Catherine Mavrikakis evita qualsiasi anatomia dei pensieri del condannato a morte Smokey Nelson, assassino di una famiglia in un motel della periferia di Atlanta. E allo stesso modo lui stesso rifiuta, al momento di morire, di fare ultime dichiarazioni: il criminale rimane rinchiuso in una gabbia di silenzio per tutta la narrazione. L'autrice americana, di origine francese, mescola le sue influenze trasformando il soliloquio romantico di Hugo in una corale faulkneriana. Aprendo le porte del penitenziario solo nell'ultimo capitolo, allarga così lo spazio chiuso della cella finale di un condannato alla pena capitale negli Stati Uniti. Gli ultimi giorni di Smokey Nelson diventa quindi un pretesto per esplorare un momento di morte imminente, la condizione critica di un'America ipocondriaca e moribonda, flirtando continuamente, sia dentro che fuori, con la morte.
Juliette Poizat, Le Magazine littéraire

Quattro voci americane si susseguono nel nuovo romanzo di Catherine Mavrikakis. Quattro volti perseguitati dalla morte, a un soffio dal buttarsi alle spalle un passato che non che non passa, un ricordo doloroso che prende la forma di un incubo ricorrente. In Le ciel de Bay City la sua protagonista ebrea imparava a scuotersi di dosso il passato per restituirgli il suo giusto posto. Allo stesso modo qui Catherine Mavrikakis si immerge nelle contraddizioni di un Paese che glorifica la libertà e pratica la pena di morte. L'autrice è incredibilmente capace di far parlare gli uomini e le donne di questa storia piena di furore e di emozione, di mettere in luce le loro forze, la loro vergogna, la loro rabbia di fronte all'ingiustizia, il loro desiderio di farla finita. Catherine Mavrikakis propone un francese sottile che cambia a seconda dei narratori pur tenendo ferma una stessa domanda: è possibile addomesticare il dolore del ricordo?
Christine Ferniot, Lire, octobre 2012

Magnifico! Potente! Sconvolgente! Quattro personaggi, il ricordo, i non detti, la pena di morte. E il respiro di una grande romanziera
François Busnel, L’Express

Costruito intorno all'esecuzione di un assassino, un affascinante romanzo corale della canadese Catherine Mavrikakis. Parodia degli Stati Uniti allo sbando, Gli ultimi giorni di Smokey Nelson fanno sentire la cacofonia di un mondo, fino a ieri esaltato come geniale melting-pot, e oggi attaccato per la ghettizzazione delle sue comunità. Il romanzo di Catherine Mavrikakis descrivo in modo meraviglioso questa deriva dei mini-continenti. Ancor meglio: ne fa sentire la musica, mischiando il furore di Jimi Hendrix alle volute sapienti del jazz, e i duri canti degli evangelici alle ridicole e gioviali melodie di una pubblicità della Coca-Cola.
Catherine Simon, Le Monde des livres

Tra le righe le ferite e le cicatrici che solcano il volto dell'America. Quattro voci, quattro temperamenti (si potrebbe infatti anche riconoscere un elemento o una stagione in ciascuno dei quattro personaggi), una cosmogonia americana particolare, ma dalla risonanza universale. È un romanzo di strappi, che maltratta in modo insidioso il suo lettore e lo solletica come la coscienza sporca. Il romanzo di una persona che conosce bene l'America e che riesce a restituire in francese l'aspetto proteiforme della sua lingua. Una scrittura ricca di ritmo e di respiri diversi come la vita stessa, fatta di strade impreviste e smarrimenti, di momenti vuoti e tempi accelerati. Urla, silenzi, stupori, beatitudini davanti alla morte, la propria o quella degli altri.
Sophie Ehrsam, La Quinzaine littéraire

L'America, Honolulu, la Georgia, la Lousiana... Verrebbe da dire il Sud, un Sud che non ha ancora fatto i conti con i propri demoni.
Il fatto. Ripugnante: Smokey Nelson uccide una famiglia di bravi americani in carne negli anni Settanta. Trent'anni dopo, alla vigilia della sua esecuzione, si compiono tre destini sconvolti dall'omicidio: l'uomo scambiato per l'assassino, la donna che l'ha riconosciuto, il padre di una vittima. E l'omicida stesso, lucido, desideroso di farla finita, il cui intervento alla fine del romanzo colpisce come un uppercut e rinvia alla domanda imprescindibile della pena capitale.
Il verdetto. 336 pagine di page-turner. Il razzismo lampante del dopo Katrina, la crociata oscena degli evangelici, la follia consumistica, c'è tutto in questo libro, e tutto urla la verità.
Guy Gilsoul, Elle

Come reagiscono degli americani di religioni, colori e origini diversi quando sono personalmente messi di fronte all'esecuzione di un condannato alla pena capitale? In questo bel romanzo polifonico Catherine Mavrikakus entra nella testa di tre uomini e una donna direttamente implicati nel selvaggio omicidio di una famiglia.
I capitoli alternano prediche e ricordi. Catherine Mavrikakis seziona i sentimenti, i tentativi di ripartire e il riaffiorare dei ricordi provocato dall'annuncio dell'esecuzione dell'assassino, senza mai dare avvio a un dibattito teorico sulla fondatezza della pena di morte, ma dedicando il libro a “coloro che sono morti assassinati dai governi dei molti Stati dell’America”. La scrittura si piega alla personalità dei narratori e conduce il racconto verso una conclusione inaspettata. Un romanzo acuto che attraverso prospettive diverse e originali evoca l'atteggiamento della società americana di fronte alla pena di morte. Interessante e sconvolgente.
Sophie Guinard, Luxemburger Wort

Al penitenziario di Charlestown, negli Stati Uniti, stanno per giustiziare Smokey Nelson. Tre persone, di cui seguiamo il racconto separato, ricordano che quel criminale, al momento del suo quadruplice omicidio, ha incrociato le loro strade e sconvolto per sempre le loro vite. Danni collaterali che la morte di Nelson forse risolverà... o forse no. Un libro cupo in cui la vita di un uomo avrà delle conseguenze sui destini degli altri. Brillante e impressionante.
Marc Gadmer, Femme actuelle

Ecco un romanzo corale diverso dal solito. Tutti i personaggi sono perseguitati da una figura comune, quella di Smokey Nelson, un assassino, autore di un quadruplice omicidio, che attende da quasi vent'anni nel braccio della morte la data della sue esecuzione. Non si tratta tanto di condividere le riflessioni di Sydney, Pearl e Ray al momento dell'annuncio della vicina esecuzione di Smokey quanto di assistere alla disfatta di ciascuno di loro. Perché cosa resta dopo la morte di Smokey?
Psychologies, octobre 2012

Catherine Mavrikakis è una scrittrice coraggiosa e affronta senza scorciatoie gli argomenti più suscettibili. In questo romanzo polifonico i personaggi mettono in questione la legittimità della pena capitale e fanno emergere l'ambiguità di una nazione sempre alle prese con il fanatismo religioso e il razzismo. Gli ultimi giorni di Smokey Nelson sembra solo l'inizio di una lunga riflessione...
Olivia Mauriac, Madame Figaro pocket

Su diversi toni, beffardi, isterici o depressi, il carosello dell'America allo sfascio.
Claire Devarrieux, Libération, supplément Livres

Ognuno sulla sua isola. È con questa nota insulare che vive, naviga e muore (per quanto riguarda uno di loro) ognuno dei personaggi del romanzo di Catherine Mavrikakis. Ognuno solo al mondo nonostante tutto quel che lo lega agli altri.
Serge Airoldi, Le Matricule des anges

In un romanzo magistralmente costruito e realizzato, quattro personaggi espongono, ciascuno a sua volta, il loro rapporto con il crimine e rivelano un'America allo sbando: razzismo, violenza, crisi economica e povertà, estremismi religiosi... Questi quattro monologhi, dalle tonalità diverse, tracciano quattro vite, fatte da secreti, fallimenti, colpevolezze, confrontate a un triste destino. Un romanzo forte e intenso che scuote nel profondo.
Bo. et B. Bo., Notes bibliographiques

Gli ultimi giorni di Smokey Nelson, l'impressionante romanzo di Catherine Mavrikakis. Sono in quattro, da qualche parte in quel sud degli Stati Uniti che in fondo ha sempre creduto unicamente nella collera di Dio. Aspettano la morte. Da sempre, o meglio da quel mattino d'ottobre del 1989 in cui in un motel della periferia di Atlanta sono stati trovati i corpi senza vita e atrocemente mutilati di un padre, di una madre e dei loro due figli. Catherine Mavrikakis ci consegna una variazione viva e lirica sulla morte.
Olivier Mony, Livres Hebdo

La canadese Catherine Mavrikakis ci consegna un magnifico romanzo corale sull'America. Il ritratto che emerge di quest'America, che sta per applicare la pena di morte, è abbastanza cupo. Offre solo integralismo e precarietà, o il riparo nel consumismo. Il sogno americano è davvero morto.
Agnès Noël, Témoignage chrétien

Gli ultimi giorni di Smokey Nelson impone Catherine Mavrikakis come una delle grandi voci della letteratura americana contemporanea, capace di una lingua potente ed evocatrice. Non citerò Faulkner, né McCarthy o Capote per descrivere la sua scrittura, ma in realtà l'ho appena fatto.
Michel Edo (Librairie Lucioles à Vienne), Page des libraires

0
0
0
s2sdefault
€16,50
Codice SKU: 9788889767863
Quantità:

LA LIBRERIA KELLER

LA BORSA DELLA SPESA

Nessun oggetto/i nel carrello

Metodi di pagamento

 

BONIFICO BANCARIO | BANCOMAT | IN CONTRASSEGNO
E ORA ANCHE CON CARTE DI CREDITO (TRAMITE PAYPAL)

SUL CONFINE

Benvenuti alla pagina blog della Keller.
Da editore di confine non potevamo che chiamarlo SUL CONFINE e inserirci i temi a noi più cari. In questa pagina trovate una selezione di articoli e curiosità. Se vuoi di più seguici alla pagina web sulconfine.it (a breve online)

 

CERCA

VIENI CON NOI

Keller editore si occupa di letteratura, reportage, viaggi e scrittura. Traduciamo libri importanti in Italia per raccontarvi il mondo che altrimenti perdereste.


via della roggia 26
38068 rovereto (tn), Italy
P.I. IT 01902670221

NEWSLETTER KELLER

Iscrivendoti alla nostra mailing list sarai sempre aggiornato sulle ultime novità, notizie ed eventi. Non facciamo spam.
By subscribing to our mailing list you will always be update with the latest news from us. We never spam.

Vai all'inizio della pagina

CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti

Continuando la navigazione accetti la nostra cookies policy. Per saperne di piu'

Approvo

Ti informiamo che questo sito usa i cookie per facilitare la tua navigazione. Continua a leggere per saperne di più e controlla la nostra politica d'uso al link http://www.kellereditore.it/privacy.html

Il sito usa Cookies tecnici (cookies first party) necessati al corretto funzionamento di alcune sue aree.

Il sito si avvale di Google analitycs ma abbiamo modificato le informazioni in modo che è autorizzato solo l'uso di cookie di Google Analytics con IP anonimizzato. Quindi nessuna profilazione dell'utente è possibile.

Questo sita usa anche cookies di terze parti con i plugin dei social media che hanno bisogno di sapere chi sei per funzionare in modo corretto. Facebook, Twitter e altri social networks hanno ciascuno la possibilità di agire sulle impostazioni della privacy.   Questa la lista dei cooki relativi ai social media che qui potete trovare con le funzioni "MI PIACE" e CONDIVIDI": twitter, facebook, pinterest, linkedin, google plus, youtube. RSS.

L’utente può bloccare o limitare la ricezione di cookies attraverso le opzioni del proprio browser.
Su Internet Explorer, cliccare sulla voce “Strumenti” della Barra dei menù e poi sulla sottovoce “Opzioni Internet”. Infine accedere alle impostazioni della scheda “Privacy” per modificare le preferenze relative ai cookies.
Su Firefox, cliccare sulla voce “Strumenti” della Barra dei menù e poi sulla sottovoce “Opzioni”. Infine accedere alle impostazioni della voce “Privacy” per modificare le preferenze relative ai cookies.
Su Chrome, digitare “chrome://settings/content” nella barra degli indirizzi (senza virgolette) e modificare le impostazioni relative ai cookies come si desidera.
Su Safari, selezionare la voce “Preferenze” e poi scegliere “Privacy”. Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet.
Se si usa Safari su dispositivi portatili, come iPhone e iPad, è necessario invece agire in questo modo: andare sulla voce “impostazioni” del dispositivo e in seguito trovare “Safari” sul menù di sinistra. Da qui, alla voce “Privacy e sicurezza”, sarà possibile gestire le opzioni sui Cookie.

Per disabilitare i cookie di servizi esterni è necessario agire sulle loro impostazioni:
Servizi di Google | Facebook | Twitter