La "letteratura di confine" di Uwe Johnson

L’epilogo del romanzo è esplicitato già nell’incipit, nel primo dei cinque capitoli in corsivo che descrivono il dopo, gli effetti di una decisione presa da due studenti, Klaus Niebuhr e Ingrid Babendererde, di lasciare nel 1953 la ddr, quattro anni dopo la sua fondazione, il giorno prima del loro esame di maturità. Un treno rapido li porta a Berlino dove saliranno su aerei diversi per destinazioni diverse nella Repubblica Federale. La narrazione, mimetizzata proiezione autobiografica, anticipa il viaggio di non ritorno dell’autore Uwe Johnson (1934-1984) che, ignorato e boicottato, abbandona la ddr nel 1959 portando con sé il manoscritto del romanzo Congetture su Jakob, pubblicato nello stesso anno da Suhrkamp, il cui successo immediato è equivalente alla contemporanea uscita de Il tamburo di latta di Günter Grass.

Cresciuto a Güstrow nel Meclemburgo, il giovane Johnson studia germanistica all’università di Rostock e, dal 1954, a Lipsia dove segue le lezioni di Ernst Bloch e si laurea con Hans Mayer discutendo una tesi sull’espressionista Ernst Barlach, suo conterraneo. Gli anni decisivi si collocano fra il 1953 e il 1956, fra i moti berlinesi, i programmi e gli obiettivi del “nuovo corso” e i fatti d’Ungheria nell’ottobre ’56. Proprio nel 1953 Johnson completa la prima redazione del romanzo Ingrid Babendererde. Reifeprüfung 1953 come reazione alla campagna repressiva, avviata nel 1952 nella seconda conferenza della sed, il Partito socialista unificato, contro le organizzazioni giovanili delle Chiese evangeliche presenti nei circa 7000 gruppi dell’associazione “Junge Gemeinde”. Johnson denuncia pubblicamente la violazione degli articoli 9 e 41 della Costituzione sulla libertà di espressione religiosa. L’azione di laicizzazione forzata impressa nel maggio 1953 da Walter Ulbricht, segretario generale della sed, che condanna la “Junge Gemeinde” come organizzazione illegale, proibendo ai suoi membri di iscriversi all’università, causa in pochi mesi l’arresto di molti giovani e di oltre 70 teologi e l’espulsione di circa 3000 studenti. Johnson continua nel frattempo a lavorare al suo romanzo di cui si susseguono tre stesure. Fra il 1956 e il 1957 falliscono i tentativi di farlo pubblicare dalle case editrici tedesco-orientali Aufbau, Carl Hinstorff, List e Mitteldeutscher Verlag, ma anche dalla casa editrice tedesco-occidentale Suhrkamp che lo darà finalmente alle stampe nel 1985 sulla base di una quarta redazione manoscritta, reperita nella casa dello scrittore a Sheerness on Sea il 17 marzo 1984, poco dopo la sua morte, dall’editore Siegfried Unseld, autore di un’illuminante postfazione.
Il romanzo è la prima testimonianza di “letteratura di confine” e la cronaca letteraria delle dinamiche conseguenti alla divisione della Germania in due stati diversamente costituiti e orientati nella fase della ricostruzione materiale e morale dalle rovine causate dal nazionalsocialismo e dalla guerra. Le divisioni e le contrapposizioni ideologiche sono rappresentate nella realtà di una classe di undici studenti del Liceo Gustav Adolf pochi giorni prima dall’esame di maturità. L’azione narrativa si svolge in una cittadina del Meclemburgo sudorientale il cui paesaggio lacustre ricorda quello dei dintorni di Güstrow dove Johnson aveva frequentato il liceo, nella John Brinckmann Oberschule, negli anni dell’occupazione sovietica e poi della ddr, conseguendo la maturità il 18 giugno 1952. L’autobiografismo dello scrittore è filtrato e rielaborato in una polifonica composizione narrativa di cui gli studenti sono attori, protagonisti e vittime di un sistema educativo dai contenuti radicalmente rivoluzionati, gestito più da burocrati che da insegnanti nelle vuote e altisonanti ritualità imposte dal regime. Nella cornice dura, amaramente appesantita da miopi chiusure ideologiche, si sviluppano le schermaglie dei compagni di classe, scandite dalla noia della routine scolastica, mosse da speranze e aspettative per il loro futuro, ma caratterizzate soprattutto dalla contrapposizione tra la “Freie Deutsche Jugend”, l’organizzazione giovanile di partito, e la “Junge Gemeinde”. La vigilia dell’esame si consuma in un pubblico processo fra le pareti della scuola contro chi non si allinea alle direttive del Partito e non opta per la sua tessera. Nel microcosmo di una classe di maturandi si denunciano già i limiti di un progetto socialista che risulta forzato e posticcio, non debitamente declinato in adeguati programmi scolastici, incapaci di inquadrare in modo critico e formativo la letteratura del passato, da Shakespeare a Schiller. Al di là dei finestroni dell’aula, in cui gli studenti sono quasi sempre occupati a contare i minuti che li separano dalla fine delle lezioni, gli sguardi si volgono all’esterno, alla piazza del duomo e ai tetti luminosi immersi nella canicola di un’estate precoce. Si consuma così l’attesa di Klaus Niebuhr e Ingrid Babendererde, legati da una simpatia che potrebbe sbocciare in amore, ma soprattutto da un consonante e inquieto anelito di libertà che respirano nelle loro pomeridiane escursioni con la barca a vela, già metafora di fuga e rifugio nelle acque del lago, sentito come disintossicante antidoto alla storia presente. Nel remoto eppur vivo mondo rurale del Meclemburgo, le cui figure conservano le loro radici con i frequenti dialoghi in dialetto basso tedesco, reso nella traduzione con un registro colloquiale, i riflessi dei drammatici eventi e mutamenti storici e politici occupano le menti di una nuova generazione di ventenni chiamati a scelte di vita più pilotate che autonome. Nel gioco degli sguardi e dei gesti, delle parole non dette, nel rallentato iperdescrittivismo combinato con un realismo minimalistico, nelle asimmetrie sintattiche, negli incastri di discorso diretto e indiretto, Johnson traspone la sua esperienza giovanile rappresentando il clima conflittuale nella ddr dei primi anni Cinquanta. Più che uno Schulroman, come spesso e riduttivamente lo si è definito, l’autore ci consegna uno Zeitroman, una preziosa testimonianza documentaria e un archivio frammentario di elementi storici che il lettore di oggi è chiamato a recuperare o a scoprire. Lo scrittore descrive le ragioni di una fuga, o meglio di un congedo di due giovani da una società nella quale il nascente progetto socialista, imposto e non frutto di condivisione, si rivela asfittico e illiberale, in definitiva un’occasione perduta in partenza nell’amara percezione provata da alcuni liceali che otto anni prima della costruzione del Muro scelgono un’altra strada, quella del salto “dall’altra parte” del confine, del cielo diviso, in un mondo comunque ignoto e feticisticamente votato alla competizione e al consumismo.
L’opera prima di Johnson, per un paradosso delle circostanze pubblicata postuma, presenta già, pur con i suoi squilibri compositivi e le ruvidità formali riconosciuti dallo stesso autore, quell’impianto morale, refrattario a ogni ideologia, che guiderà lo scrittore anche oltre la Repubblica Federale, quando, trasferitosi nel 1967 a New York, compone la monumentale opera in quattro parti I giorni e gli anni. Il programma poetologico di documentare la vita secondo i canoni e le cronologiche scansioni giornalistiche del «New York Times» si traduce nell’azione narrativa di personaggi, come Gesine Cresspahl, ereditati da romanzi del passato. Al presente si intreccia una memoria tragica legata ancora alla terra d’origine del Meclemburgo, con i suoi laghi e le sue brughiere, là dove Klaus Niebuhr e Ingrid Babendererde nelle loro scorribande con la barca a vela avevano inseguito inquieti un reale approdo alla libertà.

Fabrizio Cambi
Brano inserito in
Uwe Johnson, La maturità del 1953, traduzione dal tedesco di F. Cambi, Keller 2015

SUL CONFINE

Benvenuti alla pagina blog della Keller.
Da editore di confine non potevamo che chiamarlo SUL CONFINE e inserirci i temi a noi più cari. In questa pagina trovate una selezione di articoli e curiosità. Se vuoi di più seguici alla pagina web sulconfine.it (a breve online)

 

CERCA

VIENI CON NOI

Keller editore si occupa di letteratura, reportage, viaggi e scrittura. Traduciamo libri importanti in Italia per raccontarvi il mondo che altrimenti perdereste.


via della roggia 26
38068 rovereto (tn), Italy
P.I. IT 01902670221

NEWSLETTER KELLER

Iscrivendoti alla nostra mailing list sarai sempre aggiornato sulle ultime novità, notizie ed eventi. Non facciamo spam.
By subscribing to our mailing list you will always be update with the latest news from us. We never spam.

Vai all'inizio della pagina

CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti

Continuando la navigazione accetti la nostra cookies policy. Per saperne di piu'

Approvo

Ti informiamo che questo sito usa i cookie per facilitare la tua navigazione. Continua a leggere per saperne di più e controlla la nostra politica d'uso al link http://www.kellereditore.it/privacy.html

Il sito usa Cookies tecnici (cookies first party) necessati al corretto funzionamento di alcune sue aree.

Il sito si avvale di Google analitycs ma abbiamo modificato le informazioni in modo che è autorizzato solo l'uso di cookie di Google Analytics con IP anonimizzato. Quindi nessuna profilazione dell'utente è possibile.

Questo sita usa anche cookies di terze parti con i plugin dei social media che hanno bisogno di sapere chi sei per funzionare in modo corretto. Facebook, Twitter e altri social networks hanno ciascuno la possibilità di agire sulle impostazioni della privacy.   Questa la lista dei cooki relativi ai social media che qui potete trovare con le funzioni "MI PIACE" e CONDIVIDI": twitter, facebook, pinterest, linkedin, google plus, youtube. RSS.

L’utente può bloccare o limitare la ricezione di cookies attraverso le opzioni del proprio browser.
Su Internet Explorer, cliccare sulla voce “Strumenti” della Barra dei menù e poi sulla sottovoce “Opzioni Internet”. Infine accedere alle impostazioni della scheda “Privacy” per modificare le preferenze relative ai cookies.
Su Firefox, cliccare sulla voce “Strumenti” della Barra dei menù e poi sulla sottovoce “Opzioni”. Infine accedere alle impostazioni della voce “Privacy” per modificare le preferenze relative ai cookies.
Su Chrome, digitare “chrome://settings/content” nella barra degli indirizzi (senza virgolette) e modificare le impostazioni relative ai cookies come si desidera.
Su Safari, selezionare la voce “Preferenze” e poi scegliere “Privacy”. Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet.
Se si usa Safari su dispositivi portatili, come iPhone e iPad, è necessario invece agire in questo modo: andare sulla voce “impostazioni” del dispositivo e in seguito trovare “Safari” sul menù di sinistra. Da qui, alla voce “Privacy e sicurezza”, sarà possibile gestire le opzioni sui Cookie.

Per disabilitare i cookie di servizi esterni è necessario agire sulle loro impostazioni:
Servizi di Google | Facebook | Twitter