TOP

L’ASSASSINO DALLA CITTÀ DELLE ALBICOCCHE

Dal 26 ottobre è in libreria “L’assassino dalla città delle albicocche” di Witold Szablowski nella traduzione dal polacco di Leonardo Masi. ISBN 9788899911461, pp 288, € 17,50

Vincitore English Pen Award

Vincitore Beata Pawlak Award

Selezionato per il Nike Award

ESTRATTO

Quando cala la sera e migliaia di muezzin iniziano ad annunciare che Allah è grande, le conversazioni tacciono e le persone piombano in un umore malinconico e metafisico. Spesso sfrutto questo momento e chiedo a qualche turco a caso: come si vive con questo stretto? Questi viaggi quotidiani fra continenti interessano a qualcuno?
Allargano le braccia. Non capiscono la domanda. Lo stretto è lo stretto.

Solo il poeta Tayfun non resta stupito da questa domanda. «Anch’io ho uno stretto dentro di me» dice, e getta un grande pezzo di pane verso i gabbiani che seguono il traghetto. «Ogni turco si sposta mille volte al giorno fra la tradizione e la modernità. Fra il cappello e il velo. La moschea e la discoteca. L’Unione Europea e l’ostilità verso l’Unione Europea».

Ha colto il punto. Tutta la Turchia è squarciata da uno stretto invisibile.

[…]

 

Dopo la lettura del libro di Szabłowski sono convinto che stiamo assistendo alla nascita di un nuovo Kapuściński. KONSTANTY GEBERT

Uno sguardo audace e corroborante al cuore della Turchia. COLIN THUBRON

Una visione affascinante della Turchia di oggi con i suoi punti di forza e le sue molte contraddizioni. LUCY POPESCU, THE HUFFINGTON POST

Abbiamo bisogno di Szabłowski al nostro fianco mentre camminiano attraverso il Grande Bazar di Istanbul o seguiamo una marcia di protesta. Cattura lo spirito della Turchia come solo pochi scrittori turchi sono riusciti a fare. THE ECONOMIST

Un vagabondo che girovaga per un grande Paese, ascoltando storie umane. DOROTA ROŚ

Un racconto elettrizzante. JACEK HUGO-BADER

 

VAI ALLA SCHEDA LIBRO