TOP

TERRA DI NESSUNO

L‘incredibile storia di Moresnet, un luogo che non sarebbe dovuto esistere. In tutte le librerie entro il 12 maggio.

TERRA DI NESSUNO
ISBN 9788899911645, pp 288, € 17,50

Esattamente 100 anni fa finiva l’incredibile storia del Moresnet neutrale. Un lembo di terra di nessuno che dal Congresso di Vienna (1815) all’applicazione degli Accordi di Parigi nel 1920 resiste a ogni tentativo di annessione o spartizione tra Prussia, Paesi Bassi e Belgio.

Attraverso la storia di questi 3 chilometri e mezzo quadrati nel cuore dell’Europa occidentale, l’autore Philip Dröge ci fa scoprire un secolo di storia europea: politica, culturale e di costume.
Il libro vola come un romanzo, è scritto e costruito molto bene, con rigore storico e stile narrativo molto avvincente. Alla fine di ogni capitolo non vedrete l’ora di passare al prossimo.

Si salta da Napoleone alla Grande guerra, dalle scoperte scientifiche alle innovazioni industriali, dalla febbre del gioco e delle scommesse al contrabbando, dalla distillazione illegale alla passione per il collezionismo filatelico (provate a chiedere a un collezionista cosa sarebbe disposto a spendere per un francobollo del Moresnet Neutrale), dall’Imperialismo e colonialismo allo spirito universalistico e pacifista dell’esperanto, si viene catapultati nelle contrapposizioni politiche, nei dilemmi del diritto internazionale, tra le prime pagine dei giornali al di qua e al di là dell’Atlantico e nelle tensioni che portarono allo scoppio della Grande Guerra…
In mezzo a tutto questo la vita della gente comune: lavoratori, delinquenti, contrabbandieri, idealisti…

 

Dröge ci regala uno dei libri di storia più vivi di questi anni.

Tutto ha inizio con Napoleone, una vasca da bagno in zinco e un geniale inventore…

Questo libro può diventare un piccolo oggetto di culto

GUARDA IL VIDEO

 

VAI ALLA SCHEDA LIBRO