Comune di Rovereto
03 Dec, Saturday
6° C
TOP
Image Alt

Libri

L’IMPERATORE D’AMERICA, Martin Pollack

18,00

Per chi ha amato «Galizia» ecco un altro incredibile  affresco sul destino dell’Europa centrale

_________________________________________________
Traduzione dal tedesco Enrico Arosio
_________________________________________________
___________________________________
ESTRATTO. Leggi le prime pagine
(vedi fondo pagina)
___________________________________

Disponibile

Info

Descrizione

 

Una grande epopea 

sull’esodo mitteleuropeo verso l’America

Per chi ha amato «Galizia»

ecco un altro incredibile 

affresco sul destino dell’Europa centrale

Tra XIX e XX secolo, l’immagine della Statua della Libertà attirò moltissime persone attraverso l’oceano. Anche la Galizia – terra molto povera dell’Impero austro-ungarico – venne interessata dal fenomeno che gradualmente si trasformò in una vera e propria ondata migratoria. Contadini, artigiani, venditori ambulanti, originali pensatori ebrei: tutti si mossero alla ricerca di un futuro migliore nella ferma convinzione che «l’Imperatore d’America» li avrebbe accolti a braccia aperte. Attorno a questa speranza si sviluppò presto un business redditizio con molti profittatori: agenti, funzionari, polizia, aziende americane e, non ultime, le grandi compagnie di navigazione – come la Hamburg-Amerikanische-Packetfahrt-Actien-Gesellschaft (HAPAG).
Martin Pollack ci conduce con una narrazione vivace e luminosa all’interno del grande esodo galiziano attraverso storie come quelle del calzolaio Mendel Beck, dell’agente Julius Löwenberg e del potente armatore Albert Ballin… Ci racconta degli eterni perdenti che cercano una vita migliore e dei vincitori di sempre che hanno speculato sulle disgrazie altrui.
Un lavoro incredibile e appassionante che completa con Galizia il racconto del cuore scomparso della Mitteleuropa e si rivela, allo stesso tempo, di grande attualità.

 

Pollack riesce a condurre magistralmente il lettore in un’avvincente escursione attraverso paesaggi storici a lungo dimenticati mediante atti giudiziari, articoli di giornale e ricerche sul campo.

TAGESSPIEGEL

Eccellente reportage letterario, basato su meticolose indagini e raccontato in modo emozionante.

OBERÖSTERREICHISCHE NACHRICHTEN

Con grande abilità giornalistica, Martin Pollack fa rivivere fatti storici che ha studiato attentamente. Segue il destino dei singoli emigranti, descrive il loro calvario e la dura vita che li attendeva come schiavi all’estero nella costruzione di ferrovie, nelle miniere di carbone e nelle acciaierie della Pennsylvania. Il reportage di Pollack è illuminante, obiettivo, eppure permeato di una trattenuta empatia per quegli eterni perdenti.
DEUTSCHLANDRADIO KULTUR

Martin Pollack, nato nel 1944 a Bad Hall in Austria, ha studiato slavistica e storia dell’Europa orientale. È traduttore dal polacco (vari i reportage di Kapuściński che ha fatto conoscere nel mondo tedesco), giornalista e scrittore. È stato corrispondente dall’estero per la rivista «Spiegel» a Vienna e Varsavia tra il 1987 e il 1998.
Il suo lavoro è stato premiato tra gli altri con l’Ehrenpreis des Österreichischen Buchhandels für Toleranz in Denken und Handeln (2007) e con il Leipziger Buchpreis zur Europäischen Verständigung (2001). Vive a Vienna e Stegersbach, nel Burgenland meridionale. Tra le sue pubblicazioni più recenti: Topografia della memoria (Keller, 2021), Il morto nel bunker (Keller, 2018), Galizia (Keller, 2017), Paesaggi contaminati (Keller, 2016).

Please wait while flipbook is loading. For more related info, FAQs and issues please refer to DearFlip WordPress Flipbook Plugin Help documentation.

Informazioni aggiuntive

Peso 0.4 kg
Dimensioni 14.5 × 21 × 2 cm
PAGINE

272

ISBN

979-12-5952-096-8

COLLANA

RAZIONE K(ELLER)

EDIZIONE

2022